Area Riservata | Accedi al gestionale in cloud per controllare lo stato della riparazione

Grandine killer, una storia incredibile ma vera

Grandine killer, una storia incredibile ma vera

Quando una grandinata decise le sorti di una guerra

Grandine killer”: il titolo di un disaster movie all’americana, il nome d’arte di un rapper o…un fatto realmente accaduto? 

La terza. Ma andiamoci per gradi, anzi per colori. Il nostro colore ufficiale è il blu, ma oggi EuroGrandine si avventura nelle tinte misteriose della cronaca nera. Un nero sbiadito visto che la notizia è “un po’ datata”, ma la grandinata killer di cui parliamo è davvero incredibile!  

In un lunedì rosso sangue dell’anno 1360 due eserciti si fronteggiavano a Chartres, nel nord della Francia: quello locale, che difendeva la Patria, e quello inglese, che era nel pieno di un’invasione.  
Era la famosa Guerra dei Cent’anni e in quella fase i britannici stavano avendo il sopravvento.  
 
Poi cosa accadde? Una violenta, copiosa grandinata! Le cronache raccontano che almeno mille soldati inglesi ne rimasero uccisi, oltre a seimila cavalli. Settemila vittime totali in mezz’ora di furia metereologica, insomma!  

Black Monday: la grandine fa da arbitro nel conflitto

Un evento del genere non era mai accaduto e l’impatto psicologico che ebbe fu enorme. In tanti lo videro come un segno divino. Fatto sta che l’esercito albionico ne rimase terrorizzato, tanto che Re Edoardo ordinò addirittura la ritirata e l’indomani si affrettò a firmare un trattato di pace con gli avversari, nonostante fino ad allora la sua armata stesse vincendo.  
 
Quel lunedì – tragico per gli anglosassoni e fortunato per i transalpini – è passato alla storia come Lunedì Nero (Black Monday).  
La grandine, insomma, decretò la fine di una guerra, quasi fosse un condottiero o un generale.  
 
Che storia incredibile, non trovate?  
Scoprite altre curiosità e stranezze sulla grandine nel nostro articolo 

Latest News

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*